Benvenuti in Maraton Sport Center

#iorestoacasa: la dedica del Dr. Gabriele Rosa a tutti noi.

#iorestoacasa: la dedica del Dr. Gabriele Rosa a tutti noi.

 Venerdì, 3 Aprile 2020

#iorestoacasa: in questo momento di rallentamento che ci accomuna tutti, in cui è facile sentirsi “sospesi” nel vuoto, il Dr. Gabriele Rosa, medico cardiologo fondatore di Marathon Center e allenatore di maggiore successo dell’atletica mondiale, dedica con affetto il suo pensiero e la sua riflessione a tutti noi e al viaggio stupendo, quanto impegnativo e difficile, che si chiama “vita” e che ognuno di noi sta vivendo ed affrontando in modo differente, a seconda dell’età e dell’esperienza personale.

Dopo la sua personalissima Lettera ai runner, ha deciso di affidare ad una poesia che ama, nella quale ognuno di noi può ritrovare un po’ di sé, il compito di farci forza e l’augurio di poter, alla fine di questo momento di difficoltà, “arrivare ad Itaca”.

 

La dedica del Dr. Gabriele Rosa.

In questi giorni, in cui il tempo a disposizione non manca, mi sono ritrovato a rileggere libri e poesie e tra queste la bellissima “Itaca” di Konstantinos Kavafis.

Ho deciso di pubblicarla per i moltissimi che già la conoscono, perché la possano ricordare, e per coloro che non avendola letta prima, la possano apprezzare.

Vorrei dedicarla…..

Ai giovani, che hanno da poco iniziato  questo meraviglioso viaggio chiamato Vita.

A coloro che si trovano nel mezzo, con l’augurio che il loro sia un viaggio  colmo di esperienze arricchenti e di conoscenza.

A chi, come me, il viaggio lo sta concludendo con la speranza di arrivare a Itaca.

A tutti coloro  con i quali ho tanto corso e camminato compiendo viaggi meravigliosi e con i quali non vedo l’ora di ricominciare.

A chi lo ha concluso e Itaca non la vedrà, un abbraccio e un saluto..

 

A tutti dico Forza !

Insieme stiamo percorrendo un viaggio molto difficile e faticoso ma alla fine, con pazienza, dedizione e profondo senso di responsabilità  arriveremo a Itaca.

Buon viaggio a tutti.

Gabriele Rosa

“Itaca”, Konstantinos Kavafis.

Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga,
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere,
non sarà questo il genere di incontri
se il pensiero resta alto e un sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi e Lestrigoni, no certo,
né nell’irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l’anima non te li mette contro.

Devi augurarti che la strada sia lunga.
Che i mattini d’estate siano tanti
quando nei porti – finalmente e con che gioia –
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre
tutta merce fina, anche profumi
penetranti d’ogni sorta;
più profumi inebrianti che puoi,
va in molte città egizie
impara una quantità di cose dai dotti

Sempre devi avere in mente Itaca –
raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull’isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
in viaggio: che cos’altro ti aspetti?

E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Per migliorare l'esperienza dell'utente, questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookies. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi